Occhio alla pubblicità sul gioco d’azzardo

Ormai sul mondo del gioco d’azzardo è stato detto quasi tutto: “demone od acquasanta” è a discrezione di ognuno che si appresti a sottoporre la propria attenzione a questo settore. Indubbiamente, gli spot sulla pubblicità del gioco non possono non suscitare estrema attenzione ma dovrebbe -sempre ed innanzitutto- valere il concetto di una sorta di autoregolamentazione alle “parti che scendono in campo”. Gioco e giocatore hanno “le loro responsabilità”: il gioco deve divertire ed il giocatore deve divertirsi. Si trovano giuste le strategie di contenimento sui rischi di eccessivo spreco economico, ma va ritenuto assolutamente legittimo il desiderio di giocare a proprio rischio essendo a conoscenza che, proprio per questo, il rischio bisogna saperlo conoscere e valutare con equilibrio.
I vari divieti di gioco -pur giusti e giustificati- come quelli di non consumare alcool e droghe, non scoraggiano nessuno oppure funzionano in modo parziale: bisognerebbe invece ripiegare su politiche di contenimento e di dialogo. Insomma, la pubblicità sul gioco a volte è spettacolare e solo a volte “non autoritaria”, quasi sempre è “monoculturale” ed interessata. L’invito alla responsabilità appare troppo generico e vale per qualsiasi altro “vizio” e non può mai funzionare se non è basato sulla sensibilizzazione dei valore per i quali, in genere, ci si dovrebbe sentire responsabili. Certo, per creare persone responsabili, non bastano “spot sterili e di basso contenuto”, ma bisogna proprio lavorare sulle persone e sugli orizzonti emotivi in cui certamente non tutto è razionale e conciliabile con le regole istituzionali che fanno solo comparire “finali tragici ed irriducibili”.

admin / aprile 19, 2015 / Uncategorized

Come iscriversi nei migliori Casino Online

Cresce l’attenzione da parte degli utenti nei confronti del gambling on-line. Molti di loro, però, essendo alle prime armi, non sanno come iscriversi al casinò. A dire il vero, quest’operazione molto semplice richiede pochi passaggi che si possono compiere in pochi minuti. Sicuramente l’aspetto più delicato è quello che riguarda la scelta dei casinò in cui scommettere. Secondo il nostro parere, bisogna assolutamente diffidare della prima piattaforma incontrata sul motore di ricerca. È sempre meglio scommettere in siti regolate dalle norme dettate dall’Aams, così, in caso di controversie, vi è la possibilità di ricorrere a tutti gli strumenti giuridici messi a disposizione dal nostro ordinamento in materia di gioco a distanza che consentono di tutelare i propri interessi.

I casinò con licenza Aams, inoltre, sono dei contesti di gioco estremamente sicuri in grado di proteggere lo scommettitore da qualsiasi possibilità di subire delle perdite ai propri danni. Infatti, sia durante il trasferimento di fondi per ricaricare il conto di gioco e per effettuare il prelevamento delle eventuali vincite conseguite, sia nel corso delle sessioni di gioco con soldi veri, il giocatore dispone del massimo standard di sicurezza. I software in uso all’interno delle piattaforme sono certificati dall’Aams, la quale, periodicamente effettua dei controlli, al fine di verificare se le partite su cui lo scommettitore ha piazzato delle puntate con soldi veri siano il frutto o meno di un elaboratore casuale di numeri random.

Le vincite vengono pubblicate nelle apposite tabelle dei pagamenti dove figurano il nome per gli scommettitori e le forme di intrattenimento praticate da questi. Nei migliori casinò online legali italiani, inoltre, è possibile beneficiare di un’offerta molto ampia capace di soddisfare le esigenze sia di coloro i quali vanno alla ricerca di giochi classici sia di coloro invece che preferiscono le forme di intrattenimento di ultima generazione.

Pertanto ci sono grandi possibilità di divertimento per tutti gli scommettitori che avranno la possibilità di sedersi al meglio dei tavoli della Roulette, Blackjack, Baccarat, Casinò Hold’em, Poker texano, Stud Poker, Punto Banco, Chemin De Fer e che potranno interagire nell’ambito di una sala virtuale per praticare i migliori titoli di slot on-line con e senza Jackpot progressivi, videopoker on-line, Giochi Arcade con montepremi di notevoli entità.

Le personali probabilità di vincita possono essere incrementate partecipando alle offerte di benvenuto che erogano in favore del giocatore un bonus del 100% sul primo deposito grazie al quale si ha la possibilità di raddoppiare sia il divertimento sia il volume di risorse da destinare alle giocate con soldi veri.

Come dicevamo all’inizio, effettuare l’iscrizione al casino è molto semplice e prevede pochi passaggi. L’utente non deve fare altro che introdurre nell’apposito modulo di iscrizione i propri dettagli, il codice fiscale, il numero di un valido documento di identità, il proprio indirizzo e-mail, eccetera. Non bisogna dimenticare che, entro 30 giorni dalla creazione dell’account di gioco, bisogna verificarlo, inviando una copia fronte-retro del documento di identità utilizzato al momento della registrazione, per poter essere autorizzato ad effettuare il prelevamento dei fondi dal proprio conto di gioco.

admin / febbraio 14, 2015 / Uncategorized

Si vive meglio senza gioco d’azzardo

Non ci si vuole appropriare certamente di questo “slogan”: “Dove il gioco d’azzardo non c’è si vive meglio” è una campagna promossa dal Comune di Ravenna verso i titolari di bar, tabaccherie e sale ricreative al fine di apporre sulle vetrine la scritta “Slot Free ER” per dichiarare l’impegno degli esercenti nel contrasto al gioco d’azzardo patologico. Il Comune sta promuovendo questa iniziativa in collaborazione con le associazioni di categoria che si sono dichiarate favorevoli alla campagna e, quindi, prontissime ad impegnarsi attivamente. Al lungo elenco delle città che si stanno “prodigando” per combattere il gioco d’azzardo, ed i disagi che ne derivano, si deve aggiungere Ravenna: ormai si stanno contano sulle dita le città che sono “pro gioco” e questo per il settore non è certamente un messaggio positivo.

I locali “virtuosi” per ottenere il marchio “slot free ER” dovranno seguire un percorso internet e compilare un modulo che verrà poi presentato allo Sportello Unico per le Attività Produttive o inviato per posta ordinaria allo stesso indirizzo e… contro il gioco “il gioco è fatto”! La campagna continuerà nei prossimi mesi con la sensibilizzazione dei cittadini di tutte le età, dai giovani agli anziani nei luoghi di aggregazione e verrà accompagnata da corsi do formazione obbligatori rivolti ai gestori ed al personale delle sale da gioco. La triste realtà è che di continuo nascono iniziative di questo genere nonostante il mondo-gioco sia riuscito a creare tanti posti di lavoro e tanti introiti per il nostro Erario che non è assolutamente per questo riconoscente.

admin / febbraio 14, 2015 / Uncategorized

Le leggi che regolano il gioco d’azzardo

E’ ormai stato detto tantissime volte: la chiarezza certamente non regna sovrana quando si parla del gioco d’azzardo lecito… Con la Legge Delega si era aperto uno spiraglio di luce per gli operatori del settore che guardavano in quella direzione con la speranza di veder avverarsi un programma che poteva dare “respiro”al comparto e faceva vedere la possibilità di ritornare ad investire nelle attività “ludiche”. Il “bel gioco è durato poco” ed eccoci di nuovo qui a disquisire su aumenti, ritocchi ed altri orpelli previsti dalla Legge di Stabilità riguardo il mondo-gioco. Anche un occhio non esperto, superficiale e lontano dal settore non potrebbe non scorgere tutte le incongruenze che caratterizzano “l’ultima bella pensata”del nostro Esecutivo in fatto di giochi…

Sembrano così svaniti nel nulla i piccoli passi avanti percorsi per far sentire il gioco “parte integrante del sociale” pur tenendo presente che lo stesso ha portato qualche problematica nella sua gestione sul territorio: la Legge Delega aveva, come detto, dato speranza che ora… viene vanificata con l’attuale intervento della Legge di Stabilità. In pratica, il mondo del gioco non “ha pace” e dovrà combattere con gli aumenti che affosseranno “ancora” di più gli operatori e tutto ciò che gravita intorno a questo settore, risorse comprese. Gli addetti ai lavori dovranno rendersi conto, purtroppo, che tra “il dire ed il fare… c’è di mezzo il mare” (di aumenti) che non faranno certamente contenti coloro che ormai già da tempo si trovano a combattere con una certa “recessione” del gioco in tutto l’ambito nazionale.

admin / febbraio 14, 2015 / Uncategorized

Formare gli esercenti di gioco d’azzardo

Gli esercenti che gestiscono locali dove sono presenti apparecchiature per il gioco d’azzardo (le “famigerate macchinette”) dovranno seguire dei corsi per gestire i rapporti con i consumatori in relazione ai disagi che possono condurre alla ludopatia. Sempre in Lombardia -la Regione forse più all’avanguardia per la lotta contro il Gap- la Giunta Regionale a seguito di una proposta dell’Assessore al Commercio, Turismo e Terziario presa in accordo con l’Assessore all’Istruzione, Formazione e Lavoro ed a quello del Territorio, Urbanistica e Difesa del Suolo ha stabilito questo indirizzo con una delibera approvata. Questa iniziativa è mirata a dare agli esercenti strumenti importanti per affrontare il rapporto con i giocatori e per poter praticamente partecipare al contenimento della ludopatia che rischia -in Lombardia e forse non solo- di essere un fenomeno in forte espansione.

L’iniziativa di questi corsi viene effettuata in applicazione della Legge Regionale del 2013 che prevedeva la formazione degli operatori del settore del gioco d’azzardo lecito, dando ai gestori per adeguarsi a questa normativa 12 mesi per quelli operativi e 6 mesi per quelli nuovi: tutto ciò fa parte di un “pacchetto” di misure previste che si sta dimostrando il più efficace a livello nazionale al contrasto di questo “fenomeno sociale” dei nostri tempi, appunto il gioco d’azzardo patologico. Per lo “scopo” di questi corsi, che sono stati resi obbligatori, il costo per parteciparvi è stato “limitato” ad un esborso per ogni gestore di un importo non superiore a 100 euro e per la sua finalità è un importo che si può ritenere assolutamente accettabile.

admin / febbraio 14, 2015 / Uncategorized